In Italia prosegue la diffusione di micropolizze legate all’instant insurance Lo evidenzia anche l’ottavo Wired Trends 2020, svoltosi a Milano: l’ultimo trend diffusosi nel mondo delle assicurazioni è quello delle cosiddette polizze istantanee. Queste micro assicurazioni si stanno rapidamente diffondendo in Italia, un Paese fondamentalmente “sottoassicurato” e caratterizzato da un welfare precario, in cui la necessità di rinnovare l’offerta assicurativa si fa impellente.

Vengono attivate di solito in relazione alla mobilità, un’esigenza dettata soprattutto dal numero nettamente in calo delle automobili di proprietà: chi prende a noleggio un’auto può attivare una particolare copertura casco temporanea che integra quella di base. Ma sono anche altri gli ambiti interessati da questa novità, come quello infortunistico per sport non agonistici e la copertura dei propri animali domestici contro infortunio e malattia.  

I vantaggi di un’assicurazione istantanea

Rispetto a una copertura assicurativa tradizionale le “instant insurance” sono polizze completamente digitali. Le loro caratteristiche principali, ossia la brevità della durata che può anche essere di soli 7 giorni, l’immediatezza della sottoscrizione e la spesa minima, le rendono prodotti estremamente interessanti agli occhi dei consumatori soprattutto più giovani, che sono abituati a utilizzare i servizi online. Oggi iniziano a comparire sul mercato assicurativo italiano anche soluzioni esclusivamente digitali e calibrate sulle precise esigenze della clientela nel momento esatto in cui ne può avere bisogno e attivabili anche quando si è lontani da casa.

Anzeige

Anche il costo è un fattore determinante

Oltre ad essere direttamente attivabili dai propri smartphone e tablet attraverso specifiche piattaforme, nella maggior parte dei casi il loro costo è estremamente contenuto, il che potrebbe portare il mercato delle micro assicurazioni a espandersi velocemente nei prossimi anni. 

Tali polizze si stanno infatti affacciando anche sul mercato dei servizi assicurativi per elettrodomestici e dispositivi elettronici, oltre al rimborso di eventuali spese per il soggiorno in un albergo nel caso in cui il danno impedisca di rimanere a casa o per il rientro anticipato a causa di guasti occorsi quando si è lontani dalla propria abitazione.

È stata persino lanciata una micropolizza riguardante i voli aerei che si avvale della tecnologia blockchain per garantire l’inviolabilità dei dati e assicura i ritardi dei voli: l’utente, già in possesso del biglietto aereo, può attivare via Internet la copertura entro 15 giorni prima della partenza e, registrata la polizza, il sistema blockchain crea un “contratto intelligente” che gestisce autonomamente i pagamenti. La copertura assicurativa è garantita solo per la tratta indicata nella polizza e l’indennizzo avviene automaticamente non appena il sistema registra il ritardo del volo, a prescindere dalla motivazione, sia che si tratti di condizioni metereologiche sia in caso di guasti agli aeromobili o per problematiche aeroportuali.

Con il coinvolgimento di Genertel, compagnia assicurativa diretta da Generali Italia, CheBancha! e l’insuretech Yolo, Generali ha debuttato lo scorso anno nelle polizze istantanee, partendo con auto, bici, viaggi e sport con l’intenzione di estendere il servizio anche ad altri ambiti.

Genertel ha iniziato distribuendo sul portale tecnologico di CheBanca! le proprie polizze istantanee con un’offerta dedicata agli 800 mila clienti dell’istituto bancario milanese. Yolo è l’unica italiana tra le 100 insuretech che con questo tipo di servizi “on demand”, stanno trasformando il settore assicurativo.